Accettare Cookies?
Provided by OpenGlobal

Al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma “Beni culturali e green economy”, “Batteri e biorestauro”


Il 25 marzo 2014, alle ore 16.30, nuovo appuntamento con le conferenze dell'associazione "Amici delle tombe dipinte di Tarquinia"

Proseguono gli appuntamenti degli Amici delle Tombe dipinte di Tarquinia al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, presso la Sala della Fortuna, con le conferenze di Flavio Andreoli Bonazzi, Annarosa Sprocati e Chiara Alisi,

“Cultura e green economy: la soluzione possibile per un nuovo sviluppo del territorio, tra falsi miti e temi veri”.

Il tema sarà incentrato sulle problematiche della valorizzazione del territorio con tutto ciò che questo comporta. Si cercherà di fare chiarezza su questioni che solitamente hanno facile presa sulla opinione pubblica senza che questa sia, però, realmente informata e formata per esprimere giudizi competenti. Sarà affrontata la questione della valorizzazione del patrimonio culturale da parte dei privati e della combustione dei rifiuti: quali sono le forme virtuose e quali quelle dannose di energia rinnovabile, il tema dell'utilizzo dell'acqua ed altri argomenti che facciano chiarezza sulle concrete potenzialità del nostro territorio.

Flavio Andreoli Bonazzi è nato a Roma nel 1969 e si è laureato in Ingegneria Idraulica nel 1994 presso l’Università “Sapienza” di Roma con Dottorato in Ingegneria Energetica presso il Politecnico delle Marche. Dopo la laurea ha lavorato nel campo delle infrastrutture e delle energie rinnovabili in Italia ed all’estero. Dalla seconda metà degli anni ’90 si occupa di energie rinnovabili ed è oggi presidente della EPICO Holding, detenuta insieme al fratello Valerio. La EPICO, attraverso le sue controllate, produce ad oggi circa 80 GWh annui di energia rinnovabile attraverso piccole centrali idroelettriche ed a biomassa legnosa. Il Gruppo, ad oggi, gestisce 46 impianti di cui 5 negli Stati Uniti ed ha in portafoglio la realizzazione di nuovi impianti in Italia ed all’estero. La sua controllata Hydrowatt detiene una importante tecnologia per la produzione di energie idroelettrica su acquedotti.


“Batteri, Biodeterioramento e Biorestauro: nuove sfide” ENEA-Casaccia, Roma

Le ricerche condotte dal gruppo di microbiologia e biotecnologie ambientali dell’ENEA sono rivolte alla ricerca di nuovi microorganismi e allo sviluppo di nuovi metodi per una diagnosi corretta del biodeterioramento e per il restauro (biopulitura e bioconsolidamento). Le indagini finora condotte hanno portato alla costituzione di una collezione di ceppi ambientali originali, non patogeni, isolati sia da siti di interesse storico-artistico che da siti contaminati, che rappresentano una miniera di funzioni metaboliche, molte delle quali ci sono ancora sconosciute.
Una corretta diagnosi sul biodeterioramento di pergamene, la rimozione di colle animali da materiale cartaceo, lo studio della biodegradazione della gommalacca, la biopulitura di caseina e gesso da dipinti murali, la biopulitura di residui organici da statue marmoree, sono alcuni casi studio che verranno descritti.
Le biotecnologie rispondono bene alle nuove strategie di conservazione, operando in modo selettivo e sostituendo, a basso costo, i prodotti tossici largamente impiegati con prodotti innocui.

Anna Rosa Sprocati si è laureata in Scienze Biologiche presso l'Università degli Studi di Milano nel 1978 svolgendo la sua tesi in ecologia delle acque dolci presso il Centro della Comunità Europea di Ispra (JRC). Dopo essersi qualificata nell’ambito delle biotecnologie microbiche presso diverse istituzioni scientifiche, tra cui l’Università di Parigi e il Massachussets Institute of Technology (Cambridge, USA), dal 1983 è ricercatrice presso l'ENEA-Casaccia, dove attualmente coordina le attività di biotecnologie microbiche applicate al biorisanamento, alla bioenergia e alla conservazione e restauro dei beni culturali. Ha avuto l’incarico di professore a contratto dal 2004 al 2011 per l’insegnamento di Microbiologia Ambientale nel corso M.Sc di "Scienze Applicate ai Beni Culturali" presso l'Università di Roma "Sapienza".  Assiste la Comunità Europea con l’incarico di esperto indipendente per la valutazione delle proposte progettuali relative alle “biotecnologie bianche”.

Chiara Alisi si è laureata in Scienze Biologiche presso l'Università degli Studi “Sapienza” di Roma nel 1987; dopo aver frequentato la Scuola di Dottorato alla Statale di Milano ha conseguito il dottorato in Biologia Vegetale nel 1992. Durante il post-doc ha iniziato a collaborare con l’Institute for Science and Technology dell’Università di Chiang Mai (Thailand) dove si è trasferita nel 1994, lavorando a un progetto sullo sviluppo di metodi per la caratterizzazione molecolare di specie vegetali (1994-1997) e alla trasformazione di specie vegetali e microbiche (1997-1999). Rientrata in Italia, ha iniziato a lavorare, nel 2000, come ricercatrice presso l'ENEA-Casaccia sulle attività di biotecnologie microbiche applicate al biorisanamento, alla bioenergia e alla conservazione e restauro dei beni culturali.

Visite guidate

Il Museo Nazionale Archeologico di Tarquinia si visita in due o più ore, a seconda delle vostre esigenze. Per la visita della Necropoli consigliamo di concedervi almeno un'ora e mezza.

Leggi tutto...

Laboratori didattici

I laboratori didattici di archeologia permettono di conoscere in modo diretto i riti, i materiali e le tecniche di produzione in uso nella civilta etrusca e di rivivere le esperienze dell’uomo antico.

Leggi tutto...

Come arrivare

La Necropoli di Tarquinia è situata a circa 90 km nord da Roma

Leggi tutto...